ACCORDO STORICO per i RIDERS di Just Eat

||| ||| |||

che diventano lavoratori subordinati part-time

L’accordo - riferisce la Filt Cgil - impegna #justeat ad assumere con il contratto di lavoro subordinato, prevalentemente a tempo indeterminato, tutti coloro che hanno lavorato per l’azienda da agosto 2019 e che ne faranno richiesta. Dipendenti a cui saranno riconosciuti paga base, legata ai minimi contrattuali e non alle consegne, trattamento di fine rapporto, contributi, Tfr, previdenza, integrazione salariale in caso di malattia, infortunio al 100%, maternità/paternità, ferie, orario di lavoro minimo garantito, maggiorazioni per il lavoro supplementare, straordinario, festivo e notturno, indennità di rimborso chilometrico per uso mezzo proprio, dpi adeguati, anche in riferimento al momento pandemico in corso, e diritti sindacali.

I sindacati sono convinti che l’accordo possa fare da apripista e aiutare a indicare una via di regolazione del settore. E sperano che le altre piattaforme seguano questo modello di subordinazione, per creare una situazione di parità di condizioni. “D’altra parte non c’è bisogno di inventarsi nulla: le regole e i contratti nazionali esistono già – sostengono i sindacati unitariamente -. È importante continuare a lavorare insieme per perseguire un’idea di crescita e di sviluppo che sappia tenere insieme produzione, qualità e buona occupazione, profitto e sicurezza, tutto ciò rimettendo al centro il valore della persona, in un contesto di relazioni sindacali partecipativo, improntato al dialogo”.